Relazione di successo

Guarigione di una grave insufficienza venosa (varici) [1]

Margarete M. (anni 50) di A.:

Dal 1983 ho sofferto di insufficiente circolazione sanguigna delle gambe. Per la debolezza delle vene, il sangue non era più portato in alto, con conseguente ristagno. Con gli anni i disturbi peggiorarono. Il mio medico diagnosticò una cronica insufficienza venosa e mi prescrisse delle calze elastiche che portavo tutti i giorni. Ma anche queste non fermarono il peggioramento del disturbo. Non potevo stare ritta a lungo senza sentire un peso insopportabile nelle gambe, avevo la sensazione che sarebbero scoppiate. Nelle giornate calde d’estate, il caldo era insopportabile. Di sera le gambe erano sempre gonfie. Appena potevo mi sedevo e sollevavo le gambe per attenuare i dolori. Per il medico non c’era guarigione possibile, dovevo vivere con questo male.

Nel gennaio 1988 sono stata introdotta all’insegnamento di Bruno Groening e da quel periodo assorbo l’energia guaritrice.

Dopo la mia introduzione all’insegnamento di Bruno Groening, a parte poche corte interruzioni, ho sentito un piacevole caldo e un prurito nelle gambe. Quattro mesi dopo l’introduzione, ho potuto lasciare le calze elastiche. .Adesso porto calze di perlon come prima e scarpe normali. Non ho più bisogno di sollevare le gambe e posso stare in piedi per ore senza avere disturbi. Non ho più avuto gonfiori di gambe.


Commento medico:

 Le vene varicose sono divise in primarie e secondarie. La signora M. soffriva, di varicosi primaria. Questa malattia è causata da una debolezza dei tessuti connettivi, oppure della debolezza alle valvole delle vene superficiali. Oltre a provvedimenti chirurgici, esiste la possibilità di un miglioramento con il costante porto di calze elastiche. Il porto di calze elastiche sostiene i tessuti dilatati, migliorando così il ritorno del flusso sanguigno. Una guarigione delle vene non è possibile da parte medica, l’insufficienza delle valvole e le varici sono danni irreversibili.Il prolungarsi del disturbo porta a infiammazioni, emorragie e ulcere.

Il pensiero di dover vivere per il resto della vita con queste grosse calze è deprimente. I limiti dati dal portare di queste calze elastiche non riguardano la maggior parte della gente e non sono consapevoli. Tuttavia, nonostante le calze, il disturbo peggiora con l’età perché la debolezza dei tessuti connettivi aumenta.

Alla signora M. sono state risparmiate le operazioni chirurgiche con le conseguenti complicazioni. Ha trovato il collegamento all’energia guaritrice tramite Bruno Groening ottenendo così la guarigione. È stata liberata dalla forte pressione nelle gambe delle calze elastiche, dal costante bisogno di sollevare le gambe e dall’aumento dei disturbi con il caldo; non porta più calze elastiche. Una perizia medica ha confermato la guarigione, nell’attestato dei risultati degli esami sta scritto:

"Dall’esame delle gambe con la metodo Doppler non risulta nessun’insufficienza venosa, non ci sono vene varicose o segni di trombosi." [2]

Da parte medica, il decorso della regressione di un’insufficienza venosa, non è spiegabile. Si tratta qui della regressione di un cambiamento strutturale organico irreversibile. Un avvenimento che dovrebbe interessare molto qualunque medico consapevole.


Indice delle annotazioni:

A-MWF= Archivio del Gruppo medico scientifico specializzato Amburgo/Hennef-Sieg D

[1] Estratto della relazione di Margarete M., A-MWF

[2] Attestato medico del Dr. B. di A. del 19.09.91, A-MWF